Biblioteca senza libri, marketing o rivoluzione?

Inaugurata a San Antonio (Texas) la prima “biblioteca digitale”, capito bene, una biblioteca priva di libri. “BiblioTech” nasce dalla mente di Nelson Wolff, collezionista di volumi antichi già salito agli onori della cronaca per una mega donazione (38 milioni di dollari) effettuata in passato in favore di una biblioteca tradizionale.
Pur essendo un lettore di ebook non posso dirmi entusiasmato dal progetto.
Wolff motiva la sua scelta affermando che questo è un metodo quanto mai efficace per diffondere la letteratura “senza preoccupazioni per la gestione fisica dei libri”, tuttavia dimentica che esistono metodi molto meno rivoluzionari e molto più efficaci per la gestione di enormi quantità di volumi (vedasi Biblioteca Nazionale di Parigi).
Quanto sarà triste vedere giovani andare in biblioteca con una chiavetta USB in tasca? Il modo di leggere sta cambiando, ma siamo davvero pronti?

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: